Digital PR: Public Relations? No, o meglio, non non nel settore digital. Se infatti nell’uso tradizionale l’acronimo PR fa riferimento alle pubbliche relazioni, nel mondo del digitale la comunicazione e di conseguenza il significato cambia. Nelle PR tradizionali ci si rapporta infatti con figure del proprio settore di competenza, nel settore digitale invece ci si relaziona semplicemente con le persone, in particolare con quegli utenti attivi che operano in rete (che siano essi influencer, opinion leader o blogger).

Ma cosa fa un bravo Digital PR e quali sono le sue caratteristiche principali? La docente Claudia Lanza, Google Regional Trainer for Google Partners presso Altura Labs, ha risposto in modo chiaro e concreto a queste domande che i ragazzi di Ncl si sono posti. Prima di tutto un professionista in tale settore deve senza dubbio saper ascoltare e monitorare la rete, raccogliere e organizzare informazioni e far incontrare progetti creati dall’azienda con i personaggi più attivi in rete. L’attività del Digital PR si sviluppa perciò attraverso l’utilizzo dei canali social creando delle vere e proprie strategie di comunicazione e di engagement con i propri interlocutori.  Se tra i compiti primari del Digital PR ci sono quindi quelli di creare e/o aumentare il numero e l’importanza delle conversazioni online e curare la reputazione del brand, vien da se che l’azione del seeding costituisce la vera essenza delle Digital PR. Seeding letteralmente vuol dire “inseminare” ed è riferito ad una conversazione o a un contenuto che si vuol mettere in evidenza nelle community con lo scopo di far parlare la rete di un determinato prodotto/servizio del brand.

I ragazzi di Ncl, intuendo fin da subito l’importanza di monitorare strategicamente gli argomenti di discussione che si sviluppano online intorno ad un brand, si sono immediatamente relazionati con i principali strumenti del Social Monitoring. In tal modo, grazie alle preziose lezioni della docente, i ragazzi hanno capito che non vi sono limiti all’ascolto e al coinvolgimento dei propri consumatori ma basta avere solo gli strumenti giusti per farlo.

Share This: